Home
Search results “Confraternita di giuda iscariota”
confraternita di Maria Ss. Addolorata ai Cassari
 
10:08
arresto di Gesu'!!! ingresso di Maria e pentimento di Giuda
Views: 410 emanuele84m
Giuda tra politica e teologia
 
54:55
Domenica 6 marzo, all’Auditorium dei Poveri, si è tenuto un incontro culturale promosso dalla Confraternita di Misericordia e dedicato alla figura dell’apostolo Giuda. A guidare i lavori, come di consueto, il prof. Massimo Casciani e la prof.ssa Ileana Tozzi. Casciani ha introdotto l’enigmatica figura di Giuda con una panoramica delle interpretazioni che si sono succedute nel corso dei secoli. Quelle artistiche (da Dante a Vecchioni) ma soprattutto quelle filosofiche e teologiche. La canonica teoria del traditore non convince molti degli studio. Secondo alcuni filosofi Giuda non sarebbe stato libero quindi non era un traditore vero e proprio per cui soffrirebbe per l’eternità ingiustamente. Per i teologi invece il suo intervento non sarebbe stato indispensabile. Se i vangeli sinottici condannano unanimemente l’Iscariota c’è un vangelo apocrifo, il Vangelo di Giuda appunto, che ne sottolinea il ruolo definendo il suo tradimento come un atto di obbedienza. Negli studiosi moderni, da Ratzinger ad Augias, prevale la pista per così dire “politica”. Giuda, come altri seguaci di Gesù, è deluso dal Maestro poiché si aspettava un maggior impatto politico-sociale delle sue azioni e un contrasto più deciso verso Romani e sacerdoti. Il tradimento sarebbe stato un tentativo di provocare una tale reazione. La professoressa Tozzi ha invece sottolineato come nell’arte l’interpretazione classica sia quella maggiormente rappresentata. Giuda è facilmente riconoscibile nel cenacolo, ad esempio, stando accanto a Gesù con la mano verso il piatto. Anche i colori dei suoi abiti (giallo e rosso) sono quelli che all’epoca dei fatti caratterizzavano i malfattori. Poi la scena del bacio, pensiamo a Caravaggio e ai fiamminghi, ne illustra perfettamente la doppiezza. Il tema del doppio ricorre anche nelle raffigurazioni popolaresche dove il corpo impiccato e dilaniato dell’iscariota presenta gli organi raddoppiati. Per finire viene descritto il caso di un paramento sacerdotale di lana, conservato nella Pinacoteca Diocesana di Rieti, che rappresenta Giuda sconcertato dopo aver preso i denari dai sacerdoti. Un altro particolare che lo rende interessante è la sua realizzazione nelle fiandre al telaio, cosa che rende ancora più impressionante il livello di dettaglio della scena rappresentata. In conclusione durante l’incontro è emersa chiaramente la complessità di una figura centrale dei vangeli, che acquista un significato del tutto diverso se si tengono in considerazione le condizioni storiche e politiche in cui si svolsero i fatti. Si coglie inoltre tutta l’umanità e la fragilità di questo personaggio, che drammaticamente in un modo o nell’altro ci assomiglia molto.
Views: 44 FrontieraTV
Il tradimento di giuda
 
18:59
Views: 1068 Angelo Baldo
L'albero di Giuda ..
 
01:42
Se Giuda si impiccó ad un albero per aver tradito Gesù cosa dovrebbe fare la Chiesa per aver TRADITO Dio torturando mutilando uccidendo e bruciando vivi decine di migliaia di cristiani per 5 secoli?
Views: 157 aluiferdic
GIUDA
 
02:32
Cefalà diana rapresentazione teatrale il riscatto di adamo
Views: 288 jakato1978
Girifalco 01 Aprile 2012  -  A PIGGHIATA - La disperazione di Giuda .mpg
 
14:48
Girifalco 01 Aprile 2012 - A PIGGHIATA - La disperazione di Giuda .mpg
Views: 123 peperosano
Settimana Santa Valenzano (Ba) 2016
 
04:06
Alcuni istanti dei riti della Settimana Santa di Valenzano (Ba)
Preparazione Quaresimale dei Misteri di Bitritto-Bari 14 febbraio 2018
 
01:15:06
Ph. MUZIO CILIBERTI. I riti della settimana santa in puglia sono qualcosa di eccezionale nel barese vivono molte processioni della settimana santa ricordiamo Ceglie del campo, Valenzano, Carbonara, Triggiano, Palese, Bitritto le cui anno parte integrante misteri di famiglie e non di chiese e confraternite. Le stesse famiglie conservano i misteri nelle abitazioni nei soggiorni nei box nelle cucine è diventano parte integrante della famiglia. Lo si fa come patto di fede nel mistero che si conserva diventa un modo che crea un legame eterno con la fede in cristo.
Views: 1062 muzio ciliberti
Venerdì Santo 25 Marzo 2016 E subito ne uscì sangue e acqua
 
06:23
Vangelo del Giorno 25 Marzo 2016 E subito ne uscì sangue e acqua Gv 18,1-19,42 A cura di don Gaspare Tortorici Testo di Mons. Costantino Di Bruno Audio del Movimento Apostolico
Views: 1011 gaspare tortorici
9 Aprile 2017 Domenica delle Palme - Preghiera in processione
 
02:02
ASPETTANDO IL GIUBILEO DEL BEATO NUNZIO SULPRIZIO
La Passione di Gesù - Siligo 2012 - parte 1^
 
14:59
1^ parte del cortometraggio tratto dalla rappresentazione della passione e morte di Gesù eseguita a Siligo (SS) presso la Parrocchia di Santa Vittoria, la sera del venerdì Santo 2012 (6 aprile). I figuranti, tutti di Siligo, hanno saputo rappresentare con incredibile realismo gli ultimi giorni di vita di Gesù sino alla morte in croce. Le musiche tratte dal film "La Passione" di Mel Gibbson e da altri film, appartengono ai rispettivi proprietari. I nomi degli interpreti appaiono alla fine della seconda parte.
Views: 638 Mario Sassu
Carbonara di Bari, processione del Venerdì Santo
 
02:12
28 i sacri misteri che hanno attraversato le vie del quartiere a Sud di Bari
Views: 559 trmh24
Carbonara di Bari La Veronica asciuga il Volto di Gesù Cristo Settimana Santa 2018
 
00:19
Famiglia Abbrescia realizzato nel 2010 dal maestro leccese salentino Santino Merico Carbonara di Bari Settimana Santa 2018
MISSA IN COENA DOMINI - GIOVEDI SANTO - ANNO B
 
12:06
Prima Lettura Prescrizioni per la cena pasquale. Dal libro dell'Èsodo Es 12,1-8.11-14 In quei giorni, il Signore disse a Mosè e ad Aronne in terra d'Egitto: «Questo mese sarà per voi l'inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell'anno. Parlate a tutta la comunità d'Israele e dite: "Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per un agnello, si unirà al vicino, il più prossimo alla sua casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l'agnello secondo quanto ciascuno può mangiarne. Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell'anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo conserverete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea della comunità d'Israele lo immolerà al tramonto. Preso un po' del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull'architrave delle case nelle quali lo mangeranno. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con àzzimi e con erbe amare. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la Pasqua del Signore! In quella notte io passerò per la terra d'Egitto e colpirò ogni primogenito nella terra d'Egitto, uomo o animale; così farò giustizia di tutti gli dèi dell'Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle case dove vi troverete servirà da segno in vostro favore: io vedrò il sangue e passerò oltre; non vi sarà tra voi flagello di sterminio quando io colpirò la terra d'Egitto. Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione lo celebrerete come un rito perenne"». Parola di Dio Salmo Responsoriale Dal Sal 115 R. Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza. Che cosa renderò al Signore, per tutti i benefici che mi ha fatto? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore. R. Agli occhi del Signore è preziosa la morte dei suoi fedeli. Io sono tuo servo, figlio della tua schiava: tu hai spezzato le mie catene. R. A te offrirò un sacrificio di ringraziamento e invocherò il nome del Signore. Adempirò i miei voti al Signore davanti a tutto il suo popolo. R. Seconda Lettura Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice,voi annunciate la morte del Signore. Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi 1Cor 11,23–26 Fratelli, io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me». Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me». Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga. Parola di Dio Acclamazione al Vangelo Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore! Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore: come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. (Cfr. Gv 13,34) Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore! Vangelo Li amò sino alla fine. Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 13,1-15 Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri». Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi». Parola del Signore

What animal would you like to be essay
How to write a critical lens essay introduction
Sordid relationship definition essay
Gibbs model of reflection essay structure
Zara essay contest